Strada

Oggi mentre suonavo per strada mi avvicina un tipo vestito con l’ abito tipico dei paesi arabi, una specie di lunga vestaglia detta Jallabiyya. Mi da un euro e rimane stupito quando lo saluto con il tipico saluto arabo Salam Alekum. Inizia un’ odissea,ma non subito. Si allontana infatti quasi subito e lo vedo che p22arlotta con alcuni senzatetto poco piu’ in la’. Dopo un po’ mi sposto in un altro posto e me lo vedo ricomparire. Mi chiede se voglio mangiare qualcosa, un panino, qualcosa. Io rimango meravigliato, ma che me ne frega, ho sempre trasgredito l’ ammonimento di non accettare caramelle dagli sconosciuti e allora, si, va bene il panino. Da bere, va bene una coca cola?, va bene una coca cola!. Lo vedo ricomparire dopo una decina di minuti col panino e la coca cola. Mi vuole lasciare il panino e andarsene, ma in realta’ capisco che gli faccio simpatia e allora gli propongo di mangiarlo da qualche parte in sua compagnia cosi’,mi dicevo fra me,vediamo che persona sei.

Zanzibar

Mi invita in un bar e mentre camminiamo due poliziotti che camminano in direzione contraria alla nostra ci squadrano ed e’ chiaro che parlano di noi. Il mio compagnone e’ un tipo alto e robusto, indossa anche il berretto ricamato tipico dei musulmani e ha una barba lunga con una fisionomia che fa pensare a un pachistano. Entriamo nel bar,ordina anche per me e attacca:- io sembro un pachistano,ma sono spagnolo, e tutti i miei parenti sono spagnoli. – Mi racconta che e’un salafita e che dorme a terra fra le altre cose. Non bacia sua sorella sulle guance perche’ non e’ concesso, e sua moglie non puo’ andare in giro a volto scoperto.Solo gli occhi si possono vedere per gli altri. La cosa piu’ divertente che mi racconta e’ che prima era nella polizia militare spagnola. Mi fa vedere anche il tesserino,ma che ultimamente era stato rinchiuso per qualche giorno in carcere perche’ un poliziotto gli aveva chiesto malamente, come si fa di norma con i cosiddetti extracomunitari,i documenti. Lui aveva risposto altrettanto malamente “accuminciannu a macchiari timpulati, iddru contra sei poliziotta!!!”. La cosa piu’ contraddittoria del suo essere salafita era che beveva alcoolici, perche’, mi ha raccontato soffriva di bassa pressione. Ecco un esempio di estraniato, un uomo che si sente straniero in casa propria. Mi raccontava infatti che la gente pensa normalmente male di lui…E a lui che voglio dedicare la mia canzone nonostante gli estremismi salafiti non fanno per me…

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.